Agrirouter

Scambio di dati semplificato: con il nuovo agrirouter

L’agricoltura 4.0 offre potenziali enormi. Una gestione specifica per sezioni con progettazione semplificata e soluzioni in rete consentono uno sfruttamento più efficiente con salvaguardia dell’ambiente.

La norma ISOBUS ha semplificato enormemente la comunicazione tra macchine di diversi costruttori. Tuttavia, spesso lo scambio di dati tra macchine agricole e prodotti software di case diverse è un problema insuperabile. Finora sono stati fatti pochi passi avanti vista l’assenza di normative. Il nuovo agrirouter è destinato a superare questo ostacolo e consentire agli agricoltori di partecipare alla digitalizzazione dell’agricoltura. LEMKEN e altri produttori di attrezzature agricole hanno deciso di sviluppare agrirouter per ridurre sensibilmente i problemi di conversione dei dati e il numero di interfacce di comunicazione in agricoltura. Il trasferimento dati con agrirouter nella pratica si prospetta come segue: il gestore programma su PC o tablet la concimazione dei propri campi. Grazie ad un’app del Produttore A, sulla base delle mappe del terreno, campioni di terreno e aspettative di raccolto stabilisce la quantità di concime per le diverse parcelle e invia l’ordine di lavoro tramite un dispositivo mobile all’unità di comunicazione della macchina per la protezione della cultura del Produttore B. Questa incrocia i dati con i dati GPS del trattore del Produttore C. L’operatore dovrà soltanto concimare le singole parcelle. Questo lavoro viene al contempo documentato e i dati vengono inseriti automaticamente nella scheda di campagna del Produttore D, che è abbinato con il programma gestionale del Produttore E.

I vantaggi per l'agricoltore

Grazie all’elevata compatibilità nello scambio di dati, gli agricoltori possono usare i più svariati fabbricanti, aumentando l’ efficienza nel valore aggiunto, riducendo i costi e salvaguardando l'ambiente. Inoltre, l’agricoltore con la sua azienda è pronto per il futuro in fatto di requisiti di legge nei settori sicurezza alimentare, obbligo della prova e controlli.

Senza Agrirouter:

Con Agrirouter:

Aspetti importanti nello sviluppo di agrirouters:

Apertura e trasparenza:

Il sistema e le relative interfacce sono aperte a tutti i fabbricanti di macchinari agricoli e per gli sviluppatori di app. Con questo cambiamento di strategia, che ha trasformato soluzioni esclusivamente concepite per singoli sistemi in un’unica soluzione condivisibile si punta a favorirne la diffusione. Gli interessati devono soltanto garantire lo scambio di dati su un’interfaccia dati.

Costi

Le spese per l’utente, oltre al costo delle app che utilizza, si limitano solo più al trasferimento dati mobile tra sistema e macchina agricola e l’acquisto di un’unità di comunicazione, che deve essere applicata sull’attrezzatira per applicazioni fitosanitarie, lo spandiconcime o l’aratro. In futuro dovrà essere compatibile con le macchine delle aziende aderenti, pertanto secondo necessità può essere cambiata da macchina a macchina. L’uso del sistema orientato al profitto invece è gratuito. I soci del consorzio sostengono i costi dello sviluppo e della manutenzione.

Protezione dei dati

I trasmettitori e i fruitori dei dati, quindi soprattutto gli agricoltori e i contoterzisti, hanno la proprietà dei dati. Registrandosi con PC, tablet o smartphone al proprio disco, si decide, chi con chi, in quale misura e in quale periodo possono essere scambiati i dati. Le informazioni GPS; le quantità di concime o il consumo del diesel vengono salvati sul server per un periodo massimo di quattro settimane. In questo intervallo di tempo deve aver richiamato il destinatario (ad esempio la scheda di campagna).Non avviene alcun salvataggio.

Dati, comunicazione e sviluppo

DKE corrisponde a Daten, Kommunikation und Entwicklung (Dati, Comunicazione e Sviluppo). L’iniziativa è portata avanti da un consorzio di rinomati costruttori di attrezzature agricole che hanno capito che Farming 4.0 funziona solo se è possibile uno scambio di dati trasversale tra diversi marchi e prodotti. Il consorzio è aperto ad altri soci.

Soci fondatori del DKE:

 

LEMKEN       GRIMME       KRONE       HORSCH       KUHN       PÖTTINGER       RAUCH       AGCO       AMAZONE       SDF